Siekdami užtikrinti efektyvesnį interneto svetainės veikimą, naudojame slapukus. Tęsdami naršymą interneto svetainėje sutinkate, kad Jūsų kompiuteryje būtų įrašomi slapukai.

Vilnius: un viaggio indietro nel tempo all’ epoca sovietica

L’occupazione sovietica della Lituania, durata per 5 decenni (1940-1990), ha lasciato un’impronta visibile nella vita di tutti i giorni, dall’architettura e dai siti storici al cibo e alla cultura. Vilnius offre ai suoi visitatori la possibilità di viaggiare indietro nel tempo e scoprire la storia sovietica in modo libero e sicuro. I ricordi sono ancora freschi, chiaramente visibili nelle strade e sentiti nei racconti di prima mano. Il primo incontro con l’architettura sovietica lo si ha proprio all’aeroporto: il terminal d’arrivo è stato costruito nel 1954.

Esplorare larchitettura leggendaria

Nonostante agli artisti dell’Unione Sovietica fosse vietato guardare ed ispirarsi al mondo esterno, gli architetti lituani furono capaci di creare concetti unici nel loro genere e di trasformarli in incredibili edifici moderni adatti ad ogni capitale. Oggi le opinioni riguardo a questi edifici differiscono, ma  il modernismo sovietico è degno d’essere visto. La Galleria d’Arte Nazionale, il Teatro dell’ Opera e del Balletto, il Centro d’Arte Contemporanea, il Palazzo dei Concerti e dello Sport di Vilnius, il Palazzo dei Matrimoni sono solo alcuni tra gli esempi più importanti da menzionare.

La costruzione dell’edificio più alto di Vilnius, la Torre della Televisione, durò 6 anni e fu terminata nel 1980. Oggi la Torre ospita un museo e una piattaforma d’osservazione a 160 metri d’altezza, che ruota a 360 gradi ed offre una visuale perfetta sull’architettura sovietica dei microdistretti. Quest’ ultimi sono il luogo ideale per set cinematografici, tra cui la miniserie HBO Chernobyl e la serie televisiva svedese The Conductor, che sono stati girati proprio tra gli sfondi grigi degli edifici sovietici.

Conoscere il vero regime sovietico

Per molti vivere nell’Unione Sovietica significava persecuzioni e censure tali da essere difficili da immaginare. Visitare il Museo dell’Occupazione e dei Combattenti per la Libertà è un’esperienza rivelatoria. Situato nell’ex quartier generale della polizia segreta sovietica, il museo illustra due storie: quella riguardante le centinaia di migliaia di lituani che morirono nelle celle della prigione e nelle camere della tortura, e quella relativa alla resistenza dei partigiani lituani contro gli occupanti sovietici.

Vivere il vero dramma

Nessuna storia si comprende meglio di un’esperienza personale. Com’era essere cittadino di uno stato totalitario? Com’era la Guerra Fredda nell’ URSS? Come sopravvivere al terrore? Il bunker sovietico a 25 km da Vilnius, a 5 metri di profondità, risponde a tutte queste domande e oltre. Catturati nel dramma della sopravvivenza, il tempo ritornerà al 1984, quando la libertà sembrava impossibile nell’Unione Sovietica.

Acquistare souvenirs

Mercatini delle pulci e negozi dell’usato sono colmi di ricordi del tempo sovietico: da spille pioniere e monete a manifesti cinematografici e attibuzioni militari. Il Club dei Collezionisti di Vilnius si ritrova ogni sabato dalle ore 8 alle ore 12 all’hotel Karolina, vicino alla Torre della Televisione, ma in città esistono numerosi mercatini delle pulci estemporanei. La via Pilies nel cuore del centro storico è ricca di riproduzioni sovietiche e souvenir russi. Nel 2008 i simboli comunisti sono stati vietati in Lituania, quindi sarebbe meglio tener lontani tali souvenir e ricordi dai luoghi pubblici.

Un assaggio del passato

Un teletrasporto potrebbe essere impossibile, ma è ancora fattibile provare i sapori del passato. Tutti i grandi negozi vendono i prodotti preferiti del tempo sovietico, come kvass e Hematogenas, una barretta nutrizionale con albumina. Sultiniai, la più antica taverna operante, a pranzo diventa una macchina del tempo riportando i commensali a 30 anni fa: gli stessi tavoli alti, il brodo di pollo servito con un panino di carne e il cibo tradizionale che viene proposto qui da anni. Imperdibile la visita al Teatro Nazionale Lituano dell’Opera e del Balletto per coloro che sono interessati all’architettura e al cibo sovietici: la cioccolata calda servita nella caffetteria non è cambiata di molto.

Un tour sovietico

Passeggiare per Vilnius per un paio d’ore con una guida che ha esperienza diretta dei tempi sovietici crea una diversa comprensione della vita dell’epoca. Ogni strada ed edificio nasconde una storia speciale, qualcuna buia, qualcuna divertente. Affittare un filobus sovietico è un’occasione unica per migliorare l’esperienza della visita, percorrendo le strade di Vilnius con il mezzo di trasporto del passato.

Uno sguardo alla vita quotidiana

Una visita al Museo dell’Energia e della Tecnologia è il modo migliore per scoprire gli interni autentici ed i vari prodotti sovietici creati a Vilnius durante l’era sovietica: aspirapolveri, televisori, mobili e molto altro. Gli oggetti in esposizione erano presenti in quasi tutte le case della Vilnius sovietica ed ancora oggi molti di questi articoli si trovano nelle abitazioni della vecchia generazione.